Davide Nicola merita un mercato all’altezza. Il tempo stringe…ancora una volta.

12
1065
Rubrica Resurrezione Granata
Rubrica Resurrezione Granata - www.cuoretoro.it

Sharing is caring!

Se il buongiorno si vede dal mattino: probabilmente c’è stata la proverbiale scossa psicologica, ma quello che più di tutto mi ha rincuorato ieri è la rimonta e il modo in cui è avvenuta. Il Toro sotto due a zero a Benevento poteva sciogliersi, poteva crollare invece non lo ha fatto e alla fine poteva pure vincerla, anzi, lo avrebbe meritato.

E poi uno Zaza così, tanta roba; se solo fosse più costante, e non giocasse così bene solo una partita su quattro o cinque, sarebbe inamovibile al fianco di Belotti. A questo punto mi sorge un dubbio anzi ho una certezza. Davide ha dovuto decidere chi far partire titolare davanti al fianco del Gallo. Ha scelto Zaza e non Verdi perchè nella filosofia di Davide conta di più il carattere, il coraggio.

E questi non fanno difetto a Zaza se si sente al centro dell’attenzione.

Zaza è sempre stato un attaccante che vede la porta, se però lo metti in condizione di farlo. Se lo obblighi a rientrare o seguire schemi che lo allontanano dalla porta, perde efficacia, non è come Belotti. Ma Zaza è anche un ragazzo dal carattere particolare. Va coccolato e se si sente al centro del progetto rende. Altrimenti no. E questo lo si è visto anche con Mazzarri a inizio stagione, quando era titolare e segnava, poi relegato in panchina ha fatto poco o nulla. Con Longo di nuovo titolare ha ripreso a segnare, e tra l’altro ricordo due goal splendidi uno di testa mi pare col Parma e uno al volo a incrociare mi sembra col Genoa o col Verona, goal simile a quello di un certo Van Basten in una finale europea con la sua Nazionale, non una cosa da poco. E in questo campionato la sua partita migliore era stata a Milano con l’Inter dove è partito titolare causa assenza del Gallo. Oggi, titolare e quindi motivato, ha disputato la sua migliore partita da quando è con noi. Vuoi vedere che Davide ha già trovato l’alchimia? Vuoi vedere che mettendo Zaza dall’inizio lo responsabilizzi, lo fai sentire importante e lui ti dà il meglio mentre mettendo Verdi successivamente lo deresponsabilizzi, lo tranquillizzi e sono queste le cose che i due vogliono?

Due piccioni con una fava,

Se questo è vero applausi a Davide che lo ha già capito. Per il resto Ansaldi e Singo sulle fasce e tanti cross, e infine l’idea di mettere Baselli a fare il play; mi pare una buona idea. Ma tutto questo non basta

Davide ha iniziato benino a livello caratteriale ma mancano ancora troppe partite. Cairo deve fare la sua di parte adesso, e dare mandato a Vagnati di investire sul centrocampo. Cosi come siamo, il reparto più sguarnito è quello, perchè in difesa siamo numericamente a posto, in attacco a livello numerico anche seppure credo servirebbe uno che segni più di Bonazzoli come prima alternativa alle due punte.

I nostri problemi sorgono a centrocampo e lo si è visto anche ieri. Rincon non può fare il boia e l’impiccato fino a fine stagione, non si può chiedergli un lancio preciso di più di cinque metri. Davide ha già fatto capire le sue intenzioni, ci proverà con Baselli al rientro, spostando Rincon. Va benissimo ma la società dov’è?

Cairo ha fatto finora solo due cessioni, Millico e Meitè e zero acquisti. Quindi nelle rotazioni adesso manca una punta rapida e un mediano usato anche come mezzala.

Genoa, Sampdoria, Parma, Benevento, Spezia, Cagliari, Verona e Fiorentina si sono già tutte mosse e rinforzate sul mercato. Alcune di esse come la Samp, Cagliari o il Genoa hanno già usufruito dei nuovi acquisti. E sono tutte davanti al Toro. Cosa cacchio sta aspettando Cairo, che finisca il mercato per dire dinuovo: ci ho provato non ci siamo riusciti, a Gennaio nessuno ti cede i suoi giocatori ( il Toro invece li cede…)

Cairo dirà che il nuovo tecnico voleva aspettare a giudicare i giocatori in rosa prima di pensare al mercato? Peccato che anche con Giampaolo non è stato fatto nulla.

Io non so a che gioco continua a giocare questa società ma al momento se c’era una squadra che andava rinforzata subito questa era il Toro. Invece nulla, e adesso il Toro affronterà il terzo scontro salvezza consecutivo contro una Fiorentina che schiererà già il suo nuovo attaccante Korkorin .

Davide Nicola merita di esser ascoltato e aiutato sul mercato, ma il rischio che lui invece debba fare una risalita ad handicap è molto consistente. E io continuo a chiedermi: se non c’è la minima volontà di spendere e di fare qualcosa di concreto per puntellare il lavoro che aspetta Davide Nicola, perchè tenersi il Toro?

Tra una settimana vedremo se e cosa sarà stato fatto per aiutare Nicola ad aiutare il Toro, ma certo il tempo stringe è già tardi e il Toro sembra destinato a lottare per la salvezza fino all’ultima giornata.

12 Commenti

    • Grazie Antonio. Sono almeno due anni che devo difendere Simone Zaza perchè è un ragazzo particolare. Cederlo secondo me sarebbe stato e sarebbe ancora uno sbaglio perchè trovare un sostituto che abbia doti maggiori di Zaza a livello tecnico fisico e di grinta, non credo sia facile specie con Mr Cairo.
      Avessimo da spendere un atrentina di milioni e allora uno meglio lo trovi. Ma per il resto…per dire non sono mica sicuro che Sanabria sia meglio …o ci sarebbe anche Quinteros , ex Palermo oggi in Germania al Magonza che con 9 miilioni te lo porti a casa ma perchè cedere Zaza?
      E Pavoletti 32enne reduce da infortunio, certo non ha la mobilità di Zaza , corre molto meno.
      Se Nicola ha capito che per farlo rendere bisogna fargli senitre la fiducia …..credo e spero vedremo uno Zaza meno incostante

  1. Zaza si sa che è uno che quando vede la porta e tira da tutte le posizioni. Giocando così puo’ benissimo fare la sua parte e segnare anche un buon numero di gol. Ieri finalmente abbiamo visto una squadra con spirito di reazione. Ripeto, in difesa non ci siamo, ma questo Nicola lo sa e lo ha anche detto che c’è ancora molto da lavorare. L’importante è stata la reazione dei calciatori, specchio del loro nuovo allenatore che è uno che non si arrende mai. Penso ottimista. Possiamo risalire la china. Per quanto riguarda gli acquisti da Cairo non mi aspetto granché se non addirittura niente. Vediamo, se arriva qualcuno, a centrocampo soprattutto, ben venga.

  2. Vero Junior ma vallo a spiegare a chi in questo forum lo vede come fumo negli occhi per tanti motivi…i suoi trascorsi juventini, il suo modo di fare a volte non simpatico, la sua ingenuità in campo quando si fa beccare in falli di reazione o gestacci o cose del genere…seppure anche in questo è migliorato.
    Zaza deve migliorare nella continuità e lo deve fare anche se parte dalla panchina, deve togliersi di dosso quell’aria indolente da scazzo quando non sente la fiducia totale addosso.
    Se lo farà sarà un vero valore aggiungo per noi finalmente dopo quasi 3 anni
    Sul mercato di Cairo meglio stendere un pietoso piumone …non un velo…Sempre ultimo minuto e sempre qualche scartina. Speriamo Cairo non faccia la stronzata di cedere Izzo o Zaza perchè, per la corsa salvezza abbiamo bisogno di gente senza paura e con esperienza, e temo che prenda poi gente di livello più basso
    Mi auguro che arrivino almeno due rinforzi entrambi a centroocampo e poi eventualmente un tassello per l’attacco nel caso Bonazzoli non dovesse restare con noi

  3. Djordy64,
    Che Zaza sia stato gobbo a me non frega nulla.
    Vorrei solo sapere chi di noi non teme che, ad una partita buonissima, ne faccia seguire 2 o 3 in cui non fara’ nulla di buono??
    L’hai detto anche tu, e’ troppo discontinuo e noi ora abbiamo bisogno solo di gente convinta e con le palle.
    La situazione resta penosa, la classifica e’ pessima e tutte, chi prima e chi dopo, si stanno staccando.
    Restano al ns livello, meglio al livello in cui ci ha costretto il pessimo nano:
    Crotone, Parma, Genoa, Cagliari e piu’ su La Spezia e Udinese; la Viola e’ 8 punti su e la prossima, noi senza centrocampo, sara’ contro i nostri.
    Detto che Udinese Spezia e forse Cagliari le considero fuori dalla lotta salvezza (i sardi si che si stanno potenziando, eccome!), noi attenderemo in eterno i passi di un demente (cairo) e di un incapace (vagnati). Siccome non arriveranno mai, resteremo nelle mani di Zaza, discontinuo al massimo, Verdi (ormai ex giocatore) e di un centrocampo che appunto non c’e.
    Vedrai che non prendera’ nessuno e dira’ che abbiamo recuperato Baselli…..

    • Dario, lo temo anch’io che non prenderà nessuno al di fuori forse di Lerager, che a me non entusiasma ma immagino si integri meglio di Meitè e sia più rapido.
      Zaza discontinuo l’ho detto pure io. Ciò non toglie che ha delle doti da attaccante di razza, peccato che le tiri fuori solo a sprazzi. Vediamo se con Nicola sarà più continuo
      Poi riguardo alle ns avversarie, il Genoa sta scappando e a Bergamo ha dismotrato che con Ballardini ha trovato un ottima quadratura. Temo che dalla lotta salvezza toccherà togliere pure il Genoa …e anche l’Udinese è tosta , due punti con Inter e Atalanta ….sarà dura Dario molto dura nonostante Nicola

      • Hai pienamente ragione, Djordy.
        Sara’ molto dura, speriamo in Nicola, ma se con la Viola non si comincia a vincere, davvero salvarsi sara’ un’impresa.
        Sapremmo bene, in quel caso, chi sfanculare a vita. Sperando almeno che si guardi allo specchio, con la sua enorme faccia di kazzo, si dichiari fallito e sparisca per sempre.

  4. Dhea: A me Zaza non era mai stato simpatico prima che venisse al Toro tra l’altro scegliendolo, ovvero lui aveva già un pre accrodo con la Samp, quindi società al ns livello, eppure tradì il pre accrodo con la Samp per venire da noi. L’ingaggio era lo stesso non venne da noi per soldi. Semplicemente preferiva il Toro. E tutto questo dopo due anni splenididi in Liga , in Spagna , dove ricordo altri italiani hanno fallito miseramente come Cerci ad esempio. La Spagna non è un campionato facile e Zaza al Valencia ha fatto innamorare i suoi tifosi. Perhè? Perchè era al centro del progetto di quel tecnico.
    Zaza è fatto cosi, deve senitrsi al centro dell’attenzione altrimenti diventa incostante e anche scostante al limite dell’indolenza come è capitato poi da noi quando lo hanno messo un pò in disparte causa moduli che prevedevano solo una punta quindi il Gallo.
    Nicola lo ha capito e in ogni caso il suo 352 predilige punte vere. Speriamo sia la volta buona, perchè se Zza trovasse finalmente coitnuità, come ha detto lo stesso Filippo Inzaghi, ritroverebbe persino la Nazionale . Zaza infatti ricordo è pure ex-nazionale.
    Non concordo in pieno sul restituire al mittente Murru. Non è un fenomeno anzi, ma qualcosa di buono lo ha fatto e lo trovo ok come riserva. Tieni conto che era stato preso per giocare a 4 dietro, ma poi si è passati al 352 e lui è penalizzato. Io credo che cessioni ne siano state fatte abbastanza è ora di prendere adesso , a parte Bonazzoli che non essendo stato ancora pagato puo essere sacrificato per prendere uno più rapido.

  5. -Djordy,
    forse sarà suggestione o quant’altro, ma per alcuni tratti della partita ho finalmente rivisto il nostro Toro, con grinta e determinazione che da tempo memorabile non si vedeva .Indubbiamente si inizia ad intravedere la mano di Nicola e questo mi induce a sperare in positivo ;il risveglio di Zaza ,se non è un fuoco di paglia ,ne è un esempio.
    Si dice infatti che chi comincia bene è a metà dell’opera e noi, giusto a metà campionato ,siamo riparti con il piede giusto .Certamente il lavoro di Nicola non sarà dei più semplici in quanto necessariamente dovrà martellare e spronare la squadra di continuo ,ricuperare chi si è perduto per la strada (Linetti ne è un esempio),dare all’ambiente lo scossone giusto ,usando il classico pugno di ferro in guanto di velluto ed emarginando chi non dovese comportarsi con i dovuti canoni.
    Purtroppo quello che maggiormente preoccupa è il perseverare dell’immobilismo di questa pseudo società ,ancora latitante sul mercato quando ancora mancano quegli innesti necessari quanto indispensabili ;questa necessità è ormai sotto gli occhi di noi tutti e di tutti gli organi di informazione. I tempi si stanno restringendo ed il nostro timore aumenta di pari passo.
    Fonte di speranza mi è stata data dall’ultima trasmissione televisiva su rete 7 di “Toro scatenato” andata in onda mercoledì scorso ,nella quale era ospite Enea Benedetto ,portavoce della cordata
    “Taurinorum” che ,incalzato dal conduttore Gino Strippoli e da altri (tra i quali Mario Patrignani, noto medico super tifoso di Pesaro), ha fornito alcuni nomi sia di imprenditori del bergamasco e società, aggiungendo che fra queste ve ne era anche una estera. Enea ha fornito risposte a mio avviso soddisfacenti e cariche di speranza in merito ai futuri cambiamenti ai vertici societari. Stando a quanto detto ora toccherebbe a Cairo accettare di sedersi ad un tavolo ed dare inizio alla trattativa.
    Comprendo benissimo lo scetticismo che ancora aleggia in parecchi di noi, dovuto dalle continue delusioni che ormai perdurano da alcuni lustri ma, a mio avviso, parrebbe che qualcosa di finalmente concret0 si profili all’orizzonte.
    Ciau fratellone,il solito fraterno saluto da parte di un vecchio cuore granata.
    FVCG (ora e per sempre).

    • Ciao fratello. No nessuno scetticismo da parte mia, ben venga Enea e Taurinorum . Arrivati a questo punto di cosa dovremmo avere paura? Del fallimento? Ricordo che Cairo ci prese falliti pagando dieci noccioline per avere il brand …Sono stufo. Mi da speranza ciò che scrivi, avanti Enea ti aspettiamo fiduciosi

  6. Cito di seguito il commento di Marengo su Enea Benedetto: ” D’altra parte, sino a che l’uomo di Masio non deciderà di vendere, non avremo alternativa a lui… E certo non può essere considerata un’alternativa la più grande buffonata mai vista prima in ambito calcistico, quale quella messa in scena dal signor Enea, attraverso il suo piazzista signor Piazzoni, che prevede l’acquisto del Torino da pagarsi a cairo in dieci anni con comode rate annuali, un ignobile trasformare la leggenda Toro in un’auto… ove manca solo il contributo rottamazione. Una proposta di acquisto del Toro a rate, inoltre accompagnato da questo ridicolo Enea dixit: “vi anticipo che gli imprenditori bergamaschi vorrebbero Papo Gomez (Ndr: avete letto giusto: Papo Gomez e non Papu Gomez) in granata… (prima che vada in Spagna)”.

    Quegli imprenditori bergamaschi di cui il duo Enea – Piazzoni ha largamente confuso il ruolo consortile, ma forse le “università francesi da lui frequentate” non lo prevedono nel piano di studi… Sedici imprenditori della bergamasca, sino al giorno prima però indicati del bresciano, che, tutti insieme, fatturano comunque circa un decimo di quanto fattura l’homo masiese, con il mitizzato capofila gruppo Lorenzi che fattura meno di 6 milioni l’anno… tant’è che si offrono di comperare niente meno che a rate il nostro Toro.”
    Sono mesi che vado dicendo che sono dilettanti allo sbaraglio in cerca di pubblicita´gratis a scapito del Toro. Da prendere a calci nel di dietro. FVCG.

  7. Hamlet: Cairo afferma di esser un buon venditore giusto? Quindi metta il Toro in vendita e di ogni acquirente che si paleasasse, verifichi l’attendibilità, il potere economico, la serietà e la sovlibilità finanziaria insomma tutto ciò che un potenziale acquirente di un bene da qualche cenitanio di milioni deve avere
    Con Cairo non si va da nessuna parte, con Enea e la cordata non lo so, non li abbiamo mai messi alla prova
    Intato ho il terrore un brutto giorno di rivedere il Toro passare 2-3-4 anni di fila in B ad ammirare un Pisa, un Monza , un Benevento, uno Spezia in Serie A e un Verona e un Sassuolo a lottare per l’Europa League …tutto questo perchè loro hanno proprietari che spendono e programmano e noi no.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui