Alfredo Pedullà sul mercato del Toro

22
2865
Andrea Belotti
Andrea Belotti

Sharing is caring!

Fresco Campione d’Europa, Andrea Belotti tornerà qualche giorno prima delle vacanze per unirsi al Torino. E il primo passaggio, obbligato, sarà quello di parlare del rinnovo del contratto in scadenza. E’ un nodo, anche importante: ci sarà un tavolo di lavoro, l’allenatore vorrebbe tenere il Gallo ma Belotti potrebbe sentirsi pronto per un’altra esperienza. In caso di partenza, il profilo piace molto a Mourinho, o indipendentemente dalla presenza di Dzeko, anche a costo di cambiare qualcosa dal punto di vista tattico. Alla Roma viene accostato Icardi (cercato lo scorso gennaio quando sembrava imminente la partenza di Dzeko, ma il PSG disse no), al momento senza sviluppi. Non dimentichiamo che proprio il Tottenham di Mou aveva fatto un’offerta importante al Torino per il Gallo, ricevendo in cambio un secco no (e c’era un certo Kane come prima punta). Il Milan ha seguito Belotti, ma poi ha virato su Giroud. Sullo sfondo occhio all’Atalanta ma soltanto in caso di una cessione importante.

E cosa accadrebbe se fosse davvero divorzio tra Belotti e il Torino? La prima scelta del club granata è Andrea Petagna, malgrado le recenti dichiarazioni dell’attaccante che resterebbe volentieri a Napoli. Ci sono tracce del Torino su Petagna che risalgono addirittura alla primavera del 2020, ma a quei tempi non c’erano margini per una sua partenza. Adesso le cose possono cambiare, il direttore sportivo Vagnati è un estimatore di Petagna fin dai tempi di Ferrara. Ennesimo aggiornamento su Messias: il Torino resta in pole, non ci sono stati rilanci di altri, bisogna solo aspettare che vengano risolte alcune situazioni in uscita. Pjaca, invece, è un altro paio di maniche: proposto qualche giorno fa dal suo agente Lucci, servono altri riscontri per parlare di una trattativa.

(alfredopedulla.com)

22 Commenti

    • Spara cretinate in serie,una pma o poi la prende. Casualità non competenza. Intanto scrive su la rosea,tanto x far capire che carta da cesso è diventato questo giornale storico. Buono x avvolgere la frittura di pesce

  1. Anche per me Petagna no, da un bradipo a centrocampo dove comunque ci può stare che uno non sia una spia, ad uno in attacco dove proprio ci mangeremmo le mani.

  2. Io invece dico che ovviamente spero resti il Gallo. Questo in primis, sia chiaro. Dopodiché se deve proprio esserci un cambio prenderei Petagna volentieri.

  3. Intanto, il Presi-niente e’ riuscito a far venire la nausea di Toro al Gallo e, molto probabilmente, a perderlo…….. Complimenti, ennesima prova di incompetenza ed incapacita’, o forse, meglio pensare alla malafede ???…………..

  4. Giusto Petagna non è un bradipo è un plantigrado: senza contare che De Lamentis vorrà per un panchinaro minimo i soldi che ha speso, cioè 20 milioni.
    Provare una volta tanto ad acquistare un giovane uruguagio, messicano, perfino uzbeko cavolo da far crescere? Dobbiamo veramente fare l’ennesimo favore oneroso al Napoli? Valdifiori, Verdi e adesso addirittura Petagna? Vabbè che qualcuno ha in catalogo un mucchio di films e altri le televisioni, ma ci dobbiamo andare di mezzo anche noi?

  5. -In merito alla vendita di Meitè ne sarò convinto unicamente quando la notizia sarà ufficiale.
    Riguardo Messias la farsa/telenovela continua ,con un probabile finale a cui ben tutti noi siamo abituati.
    Pjaca, se integro ,ritengo che non sarebbe male quale alternativa ,ma anche qui temo che saremo alle solite.
    Mi auguro sempre che il Gallo resti ancora tra noi, anche se le speranze si stanno sempre più affievolendo.
    Ritenere Petagna quale suo possibile sostituto lo ritengo un ripiego non proprio entusiasmante.
    FVCG (ora e per sempre).

  6. questo calcio, questo calciomercato, stanno diventando sempre più nauseabondi
    e tutti questi giornalisti che scrivono del nulla ne sono gli alfieri
    non entro nel merito di una cessione del Gallo, mi sono già espresso ampiamente sul giocatore e sull’uomo
    ma, dovesse andare via, noi abbiamo Zaza e Sanabria punte centrali, Juric gioca con una punta, la punta centrale può farla anche il giovane danese, e spesso Juric ha messo come punta centrale non un centravanti puro ma un uomo di movimento. Quindi Petagna o chi per lui non serve a NULLA…
    Il problema è opposto: dovesse mai rimanere Belotti avremo Zaza e Sanabria che rischierebbero di vedere pochissimo il campo…

  7. Biziog per il tuo stesso ragionamento Zaza non serve .nulla in quanto non di movimento oltreché incapace. Inoltre forse lo stesso Gallo rende di più se.fa.meno movimento e attacca più l’area. Rammento che Juric vuole 5 6 uomini in area avversaria e il Gallo e Sanabria possono fare bene. Zaza non vede.un pallone nemmeno in TV. Se perdiamo il Gallo serve si un attaccante che si muova si e attacchi gli spazi ma in ogni ma in squadra di “nanetti” non puoi non avere un finalizzatore sulle palle alte. E Petagna che ricordo essere davvero giovane e molto meglio di cadaveri provenienti da Uruguai Messico Cile ecc ecc, può fare molto comodo.

  8. Petagna è più un wrestler che un giocatore di calcio.
    Di bidoni in squadra già ne abbiamo ma sostituire il Gallo con il wrestler sarebbe ancor peggio di Immobile-Amauri….
    Dio ci scampi….

  9. Condivido leloup1 tranne che per Zaza che resta la merda più merda che abbiamo visto dopo Amauri (guarda caso entrambe scarti dei gobbi). Dimenticavo una cosa, Pjaca è un’altra immensa merda, sia ben chiaro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui