Sempre il solito, amaro epilogo

1
565

Sharing is caring!

7^ GIORNATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A – STAGIONE 2021/2022

SABATO, 02 OTTOBRE 2021, ORE 18,00

TORINO  –  JUVENTUS: 0  –  1

MARCATORE: LOCATELLI al 41° s.t.

TORINO (3-4-2-1): MILINKOVIC-SAVIC; ZIMA, BREMER, RODRIGUEZ; SINGO, POBEGA, MANDRAGORA (cap.), AINA (dal 20° s.t. ANSALDI); LUKIC (dal 20° s.t. LINETTY), BREKALO (dal 3° s.t. RINCON); SANABRIA (dal 32° s.t. BASELLI).

ALL.: JURIC

ESPULSI:NESSUNO

AMMONITI: SANABRIA, LUKIC e MANDRAGORA per gioco scorretto.

JUVENTUS (4-4-2): SZEZESNY; DANILO, DE LIGT, CHIELLINI (cap.), ALEX SANDRO; BERNARDESCHI (dal 35° s.t. KULUSEVSKI), MCKENNIE, LOCATELLI, RABIOT; KEAN (dal 1° s.t. CUADRADO), CHIESA (dal 44° s.t. KAJO JORGE).

ALL.: ALLEGRI

ESPULSI: NESSUNO

AMMONITI: CHIELLINI per gioco scorretto.

ARBITRO: VALERI di Roma.

E’ dal 2014 che il Toro subisce gol nei minuti finali del Derby della Mole. Clamorosi sono stati quelli di Cuadrado e di Pirlo, che sancirono una vittoria immeritata della Juventus. Ma di episodi sfavorevoli e controversi ne sono capitati tanti ai danni del Toro. Il 203° Derby disputatosi ieri sera sarebbe potuto finire almeno con il pareggio, se i granata non fossero calati alla distanza. Benedetta la sosta per la UEFA Nations League, se questa consentirà al Toro di recuperare le forze e i numerosi infortunati. Nella prima frazione di gioco i granata hanno dominato, e avrebbero potuto andare al riposo in vantaggio; nella ripresa, invece, si  è fatta sentire la stanchezza in alcuni elementi, e Juric ha dovuto procedere con i cambi, che non tutti si sono dimostrati all’altezza. Chiesa ha fornito un bell’assist a Locatelli, che al limite dell’area granata non ha avuto difficoltà a realizzare il gol vittoria. Juricavrebbe dovuto disporre di un’altra panchina, arricchita quanto meno dagli infortunati, la cui prolungata assenza si fa sentire.
Emblematica, in questo senso, è stata la svolta della partita dell’Inter contro il Sassuolo; Inzaghi ha effettuato quattro cambi che gli hanno consentito di conquistare tre punti pesanti. Tuttavia, nonostante la sconfitta, c’è fiducia in questo Toro, che sta acquisendo, gradualmente, gli insegnamenti di Juric; sono convinto che i granata disputeranno, quest’anno, un buon campionato e ci regaleranno quelle soddisfazioni che aspettiamo da tempo. Bremer è diventato un vero pilastro della difesa, è stato il migliore del Toro, ed è un giocatore che potrebbe far gola a diverse squadre; Milinkovic-Savic, partito in sordina e con tante perplessità sul suo reale valore da parte della tifoseria, sta facendo bene. Singo piace molto, ed ha ancora buoni margini di miglioramento; Brekalo ha tecnica e classe, anche se queste indubbie qualità non sono emerse totalmente nel Derby. Ma sarà interessante vedere all’opera il Toro quando rientreranno Capitan Belotti e Praet, e quando altri giocatori, nel recente passato deludenti, potranno far propri i dettami di Juric; esempio emblematico è Rodriguez , rinato con la cura del tecnico croato. Dopo la sosta il Toro farà visita al Napoli, attualmente primo in classifica; sarà senza dubbio una trasferta molto insidiosa, ma non è detto che i granata partano battuti, esiste sempre la legge dei grandi numeri, in presenza di una squadra volenterosa di fare risultato.

Franco Venchi

1 commento

  1. Esiste la legge dei grandi numeri, e quella delle piccole squadre, piccole in tutti i sensi come il Torino FC. A Napoli se tutto, ma proprio tutto, gira bene portiamo via un pareggio. Ma che tutto, proprio tutto, giri bene è praticamente impossibile, quindi…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui