Karagumruk su Verdi, il calciatore valuta

55
6381
Simone Verdi
Simone Verdi

Sharing is caring!

Come riportato in esclusiva da Alfredo Pedullà, Simone Verdi lascerà probabilmente il Torino prima di giovedì, sta valutando proposte sia in Italia (almeno un paio) che all’estero. Ma prima dovrebbe rinnovare il contratto in scadenza il prossimo giugno. Nelle ultime ore si è alzato il pressing del Karagumruk, una richiesta precisa di Andrea Pirlo che lo apprezza non poco. E Verdi sta valutando, il suo futuro potrebbe anche essere a Istanbul. (alfredopedulla.com)

Embed from Getty Images

55 Commenti

  1. il mercato all’ultimo minuto è sempre un rischio (contratti che non vengono registrati in tempo ecc ecc),
    quindi qualche apprensione che non si riesca ad arrivare alle due richieste di Juric e a dar via il trio escluso dai giochi c’è eccome
    Quello che però mi preoccupa veramente è Lukic, dovesse andare via lui non ci sarebbe il tempo per trovare un degno sostituto

  2. La signora Belotti ha scritto quella lettera senza nessuna pressione, quindi è ragionevole pensare che sia effettivamente sincera. Molto bella in effetti. Soprattutto perché è un arrivederci.

  3. Abituato a mogli dei calciatori desiderose del calcio che conta e dei relativi fasti, sono rimasto piacevolmente e sinceramente commosso della lettera della signora Belotti.
    Trova conferma che siamo di fronte a persone non omologate e di valore.
    Aumenta ulteriormente il rammarico che la storia si sia interrotta.

  4. Magari prima della fine qualcuno del lo prende sia lui che Izzo
    Per il gobbo pelato la vedo dura per non parlare di Edera
    TDC VATTENE

  5. La sensazione è che Verdi e Izzo partano.
    Zaza e Edera non credo, magari a gennaio.
    Lukic è un punto interrogativo. Ma mi pare che le squadre interessate si stiano aggiustando a centrocampo con altri nomi.
    In entrata penso possa succedere qualcosa sul filo del gong, il 1 settembre.

  6. Questa è una squadra da onesto centro classifica.
    Arrivare decimi, quindicesimi senza un progetto alla fine cambia poco. L’unico tema vero per carie saranno le eventuali plusss con cui risanare il bilancio. Ciò che serve per provare a fare il salto di qualità, per giocarsela x davvero per un posto che conti qualcosa è fuori dal budget cairesco e dalla miracolistica di Juric.

  7. Possibilità di chiusura positiva per Praet? Si legge in giro che rimane da discutere più che i bonus….nel caso i 4 trequartisti sarebbero tanta roba…

  8. è evidente che Juric non abbia mai gradito Zaza, poi già lo scorso anno lo aveva lasciato a casa per un po’, evidentemente per comportamenti ritenuti non consoni.
    Io non mi permetto di dare giudizi tecnici senza appello, né tantomeno umani e caratteriali. Quindi Zaza avrà fatto anche bene in passato e sicuramente avrà delle doti visto che arrivò anche in nazionale.
    Ma con noi, da subito, si è capito che non c’era feeling e Juric ha le idee molto chiare, non vedo possibile un suo reintegro.
    Penso in ogni caso che sia tutt’altro che impossibile dar via i 4 esclusi dall’allenatore: Verdi e Izzo hanno mercato, bisogna trovare il giusto incastro tra loro preferenze e convenienza della società; Edera ha un ingaggio tutt’altro che inarrivabile, quindi non credo faticherà a trovare squadra in B; per Zaza il vero problema è proprio l’ingaggio, starà dunque a lui decidere tra stipendio e calcio giocato…
    tra l’altro non ho trovato da nessuna parte la cifra per la quale sono stati venduti a titolo definitivo Segre e Millico

  9. Millico credo sia andato via a zero o quasi, per Segre si parlava di 1,3/1, 5 in un articolo tratto da testata locale palermitana che avevo letto settimana scorsa. Ovviamente si vedrà…

  10. Vlasic giocherebbe meglio a sx, ma deve tappare il buco a dx. Aina con un anno di contratto, sarebbe da vendere, ma non credo abbia offerte che possano smuovere qualcosa.
    Aspettiamo il gong… Se non accade nulla forse è meglio.

  11. Ma che vuoi che gliene freghi a Zaza del livello dove va a giocare.
    A lui in primis non interessa giocare ma solo cuccarsi un sacco di soldi senza fare una mazza. Come dice Exigne, chiamalo scemo.

  12. -Come già detto ,la mia speranza che fra i così detti tre esuberi almeno uno riesca ad accasarsi altrove. Per Zaza la ritengo una “Mission impossible”

  13. Aina sinora ha giocato abbastanza bene. Per me è sopratutto un problema di testa e concentrazione durante il match i mezzi li ha e se lo Juric lo fa giocare non è stato solo per l’assenza del Kosovaro. Vedremo più avanti come va.

  14. La vicenda Belotti dovrebbe spiegare ai duri di orecchie (perché sono ancora tanti) chi è e di che pasta è fatto l’emerito gran testa di caxxo di presiniente!

    • In realtà Branco non ha detto che qualcuno aspettava x capire, ma che dovrebbe servire ad alcuni a capire che se la gente se ne và ci sono motivi seri dietro. Anche se a quei qualcuno va tutto bene così, sfaldamento puntuale ogni anno e arruolamento alla militare, che si ripete ogni campagna acquisti. (Acquisti?) sperando nel culo o nei miracoli di juric per tenerci a galla.

  15. Le critiche sono giuste e logiche,ma poi bisogna fare delle proposte perché la critica sia costruttiva e nn fine a sé stessa.
    Che Cairo sia il male sommo è innegabile,ma poi?
    Come allontanarlo?
    Quali alternative?
    Per inciso accetterei anche la B pur di nn sentirne più parlare….

    • A me sa che sei tu quello col culo per terra, dai tuoi commenti è evidente che sei un invidioso fallito nella vita e che ogni mattina appena alzato prendi uno schiaffone in faccia.

  16. Marjanovic, parla di finanza finché vuoi ma rispetta i morti, ma cazzo! Ma è mai possibile?
    E qui non è questione di buonismo o ipocrisia, è semplicemente ciò che ci rende uomini e non rifiuti disumani.

  17. Ora su twitter Praet al primo posto tra i trends. I siti inglesi danno certo Praet al Toro per 500.000 euro di prestito oneroso con obbligo di riscatto a 8 milioni!!! Non ci credo!!!!!

    • Se fosse bella operazione!Considerando che conosce già i meccanismi, aspettare la fine per risparmiare 7 milioni ci può anche stare

  18. Marinelli, Marinelli, ma perché? Dopo 17 anni questo morbo di molti tifosi granata, lontano anni luce dal modus vivendi e cogitandi del tifoso granata, non cessa di colpire e distruggere.
    Lo capisci poi perché la tifoseria si spacca?
    Le frasi del tuo post sono per un tifoso granata come me e moltissimi altri (anche se qualche idiota nell’altro sito ci definisce zerotreini), una coltellata al cuore.
    “Ho smesso da secoli di sognare , a 44 anni mi accontento di vedere i miei bimbi che sognano un Toro da scudetto, io non ci penso più e cerco di godere delle piccole vittorie“
    Questa frase è calcisticamente parlando una bestemmia per un tifoso granata.
    Il Toro ha sempre avuto, fino a 17 anni fa, obbiettivi, indipendentemente dal fatto che poi li raggiungesse o meno.
    Da 17 anni grazie a TDC non li abbiamo più, ed il risultato sono frasi come la tua riportata sopra, quanto di più lontano da noi e dalla nostra storia.
    L’altra perla finale :
    “Per il resto…. concedimi la battuta: con Cimminelli, Vidulich, Calleri, Goveani, non è che proprio stavamo da dio….anzi direi che il trend è sulla falsariga…l’unica differenza è che Cairo non ti fa fallire”
    Non so se Leloup te la concede, io e molti altri assolutamente no.
    Sentire parlare di fallimento dopo 17anni di TDC come il peggiore dei Mali dopo tutto lo schifo, le porcherie, direi anche il putridume di questa presidenza è per me qualcosa d’inconcepibile ed incommentabile.
    La mia principale speranza è che TDC levi le tende entro pochissimi mesi ed anche tu, come tanti altri, vi possiate svegliare da questo incubo.
    Certo, dover leggere ancora dopo 17 anni che Cairo cmq non ci fa fallire, quindi, bene così, fa malissimo, non immagini quanto

    • Concordo Toro71, concediamo almeno a Goveani di avere vinto l’ultima Coppa Italia e a Cimminelli di avere vinto il campionato di serie B; carie in 17 anni neppure questo è riuscito a fare; in compenso ci ha regalato 3 anni di seguito in B, gli esperimenti sociali e la curva Primavera daspata. Però ora dovremmo essere felici per i 7 punti fatti da una squadra che se non viene completata si troverà in difficoltà per l’anomalo calendario di questo campionato, posto anche che con 5 cambi le rose non possono essere ridotte all’osso, ma al contrario devono avere qualche elemento in più. Guardo di solito alla luna e non al dito e quello che vedo non parla di progetto.

    • ancora con questa presunzione che chi segue ancora la squadra e’ un demente pro Cairo e si fa prendere per il curo dal TDC? ancora a pensare che seguire il toro significa avvallare le porcate del TDC? mi conoscete dall inizio di questo Blog…ho sempre contestato Cairo, dai tempi delle litigate con corti e Djordi.
      ora anche la Maratona ormai lo contesta a ogni partita, in casa e in trasferta, ma la volete capire che quest’ uomo ha un pelo nello stomaco che se ne sbatte, digerisce anche il testa di cazzo a lui riferito del proprio DS in mondovisione, figurati i post dei veri e puri tifosi Granata o o i pochi abbonati….. lui non vende… lo speriamo tutti ma a breve non vende.. e nel frattempo dobbiamo sperare di retrocedere? non dobbiamo dire che 2 o 3 arrivati non sono mica male? che Juric e’ stata una ottima scelta? perche’ se no lui rimane….ma dai….ancora ci credete…..ma poi se questo non e’ il toro ma la Cairese, perche’ la seguite? chiaro che la squadra e’ da 10 posto e non oltre ma continua a essere il toro, e io soffro e gioisco a ogni gol o a ogni sconfitta, perche’ prima o poi i presidenti passano ma i colori rimangono….

  19. Solitamente non mi rivolgo alle singole persone, tuttavia oggi voglio fare un’eccezione e chiedere a Marinelli se questa squadra governata da diciassette anni dal signor cairo è per lei effettivamente il Toro. Le ripeto, per lei, questa non società, questo insensato scarabocchio calcistico è dunque identificabile con il Toro?

    • se non fosse il Toro perche’ la segui, perche’ perdi tempo in un Blog? e’ il toro pur con un cancro , arrivera’ prima o poi una chemioterapia adeguata ma intanto speriamo che non muoia

  20. Un’ora di applausi e poi inizio di nuovo…
    Io ho visto lo scudetto e rimpiango ovviamente quei tempi ma,al di la’ del nano, mi rendo conto che il calcio è completamente cambiato,che nn bisogna più legarsi ai giocatori e che conta ancora sempre e solo la maglia.Ma solo x noi.
    Quello che il Toro rappresenta x ognuno di noi fa molta fatica a confrontarsi con i tempi attuali xke’ la ns visione,diciamo un po’ romantica,oggi è alquanto anacronistica.
    Dispiace,x chi come me,vorrebbe tornassero quei tempi(nn solo x i risultati).
    Oggi il calcio è business e come tale anche noi tifosi dobbiamo considerarlo(infatti sul forum molti di noi fanno più i commercialisti che i tifosi e questo,nell’ottica attuale,è comprensibile).
    Il nano è purtroppo la quintessenza dell’affarismo più bieco che costringe noi tifosi in un angolo.
    Ma come il pugile costretto all’angolo,speriamo di uscirne presto e soprattutto nn suonati

    • Dhea, forse siamo coetanei se hai vissuto sulla pelle quegli anni, ma permettimi una considerazione, ci fosse la tifoseria di quei tempi avrebbero messo le tende sotto casa del merdaiolo fino ad esaurirlo.

  21. È inutile, TDC, ha fatto purtroppo un lavoro meraviglioso su molti di voi.
    Mi si dice che sono presuntuoso nel giudicare certi modi di pensare, ma è impossibile non farlo. Vi riempite la bocca della parola Toro o di quella frase idiota “solo per la maglia’, come se bastasse indossarla per entrare nel l’essenza granata, vi fate andare bene tutto perché non ne potete fare a meno, illudendovi di tifare per la squ3 per cui avete sempre tifato e soprattutto ogni volta la tiritera che i tempi son cambiati, eh certo, infatti per l’Atalanta, la Lazio, il Napoli sono cambiati decisamente in meglio, slegate Società e Squadra quando la seconda è l’esemplificazione della prima, vi fate, ripeto andare bene tutto perchè ciò che conta è la partita alla Domenica. Che da 17 anni non si parta neanche con un obbiettivo, che si distrugga regolarmente tutto quando potrebbe essere fatto qualcosa d’importante, pazienza, perché se poi fallisco (e l’ho già scritto più volte volte) che faccio la domenica.
    Ma voi siete quelli con il vero spirito granata, mentre io, Pupi, Branco, Pietro, Claudio, ecc, siamo solo dei rompiballe frustrati che vanno contro.
    Avanti così Savoia.
    Io, rispondo a Dalla, evidentemente anche tu ti sei arreso, sì, ti ricordo ai tempi delle litigate con DJ, e proprio per questo non ti riconosco più, io seguo la Cairese per abitudine, ma soprattutto perché anelo alla partenza di quel disgraziato che ci ha annientato. Io, non mi sono arreso, anche se a volte leggendo certi pensieri dai fratelli di tifo, la tentazione è forte, tu Dalla piuttosto, se ti sta bene una metà classifica come obbiettivo massimo, senza nessun’altra possibilità, perché non tifi (o non rifate) Pro Vercelli, Novara o simili.
    Nessuno pretende Scudetti, a meno che non arrivi qualcuno con tanta grana, ma avere un obbiettivo che non sia la metà classifica, questo lo pretendo e lo dobbiamo pretendere tutti, questo solo per restare ai risultati calcistici.
    Comunque è chiaro che fino a quando separerete squadra e Società (perche è la Società che decide il destino della Squadra, non c’è Juric o giocatore che tenga, ma è così difficile da capire????) non ci potrà essere alcun punto d’incontro tra noi ed il TDC avrà vinto un’altra volta.

    • Quindi per cacciare Cairo e avere un presidente da vertici cosa dobbiamo fare? dimmelo che metto subito in pratica le tue strategie, sono curioso, tifare perche’ la Cairese perda? non seguirla? protestare sui Blog? sono curioso e speranzoso

      • Sicuramente non dando un centesimo a quello…, ed avendo bene in mente che tutto quello per cui ti esalti oggi, domani, almeno fino a quando TDC è in sella, non ci sarà VOLUTAMENTE più, che se va tutto bene arrivi decimo e guai a pensare all’Europa, che se rimane TDC l’anno prossimo Juric ed il suo bel gioco ci salutano e si tornerà a lottare per la diciassettesima piazza, sapendo che la tifoseria è profondamente spaccata, che quella più contraria è stata spaccata con l’esperimento sociale, che l’organizzazione societaria è da Promozione, piututte le cose che sappiamo su infrastrutture, legami con i gobbi, ecc.
        Se avendo chiaro tutto questo in mente, riuscite a tifare ed esaltarvi come 20 anni fa, non so che dire, contenti voi, io non ci riesco, pur apprezzando la squadra ed il suo allenatore.
        Io non ho ricette contro TDC, mi son dato l’inizio 2023 come termine di questo vomito, so soltanto, e lo dico con dispiacere verso i giocatori e soprattutto verso Juric, che andare allo Stadio, pagare la Pay tv, non ci aiuterà nel mandarlo via, poco ma sicuro.
        Se poi si contesta il simbolo del Toro di questi anni che ha questo schifo ha detto basta, eh, non ci siamo proprio per niente.

        • io non do un soldo a Cairo ma posso tifare o devo guardarla da indifferente e dire che l ‘olandese e gli altri acquisti sono brocchi, e per essere piu’ puro anti Cairo devo sperare che perda? illuminami

  22. Toro 71, Dalla, Marinelli, cercherò di fare una riflessione per poter rispondere ad ognuno di voi per la parte che interessa. Anzitutto è palese che quando in campo c’è quella maglia “non esiste altro Dio all’infuori di me..”, il Toro resta la mia fede. Ma se a voi qualcuno dicesse che il vostro credo può essere umiliato, ridicolizzato, bistrattato, offeso, vilipeso, voi cosa fareste? Forse stareste lì fermi a guardare, a farvi riempire gli occhi di disgustoso spettacolo e le orecchie di bestemmie? Io, no! Non lo permetto!! Se qualcuno offende la mia fede ebbene io reagirò per difenderla. In questi diciassette anni, quante sono state le offese, le umiliazioni, lo scherno che il signor cairo ha confezionato, come un finissimo sarto, sulla nostra gloriosa storia? Questa estate, sotto un infuocato ombrellone, ho avuto il piacere di conoscere la piacevole un signore che in giovane età fece un provino come portiere delle giovanili del Toro. Mi diceva questo simpatico tifoso dell’Inter, che quando è entrato al Filadelfia le gambe gli tremavano di fronte al grande Vatta. Arrivato insieme a tanti giovani provenienti da tutta Italia, già nel giro delle rappresentative nazionali e con diversi provini, tutti di massima categoria, alle spalle, quando si è palesato davanti a lui il mago del calcio giovanile anche l’erba del campo si è inchinata! Fare un provino per il Toro, per quel Toro, significa fare una esperienza mistica. Opporre resistenza ai tiri di Claudio Sala era come sfidare gli Dei! Ecco cosa significava il Toro allora, ecco cos’era il Toro allora! È cambiato il calcio mi si dice? Forse, dipende da come uno vuole vederlo questo calcio business. Perché se è vero come è vero che oggi i miliardi non bastano più per fare del buon calcio, allora dovreste spiegarmi perché a Bergamo, Udine e (anche) Napoli si continua a fare calcio esattamente come ai tempi del nostro Vatta? Non abbiamo, dite voi, altra vita dopo l’edicolante? Sbagliato, il mio Toro, la mia fede esisterà sempre, anche nel più terribile dei bassifondi del calcio. Il Toro non è cairo. E da tifoso mi auguro, a qualunque costo, di non vedere ancora un giorno in più come presidente il grandissimo testa di caxxo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui