Operazione indebolimento completata

21
9852
Davide Vagnati e Urbano Cairo
Davide Vagnati e Urbano Cairo

Sharing is caring!

Al termine dello scorso campionato, in occasione di una conferenza stampa, Juric, contagiato dal rinnovato entusiasmo dei tifosi, pose una semplice domanda: la società è d’accordo ad alzare l’asticella? Ebbene la risposta è arrivata ieri al termine di una lunghissima sessione di calciomercato, no, la società non solo non è d’accordo, ma è riuscita nell’intento di indebolire la squadra. Partiamo dal presupposto che lo scorso anno c’erano due totem come Bremer e Belotti, in partenza alla ricerca di legittime ambizioni, la cui sostituzione non era di facile realizzazione. 

Prima di passare all’esame del nuovo Torino, occorre fare una necessaria premessa, il dott. Cairo è riuscito, anche quest’anno, a gettare al vento i giorni del ritiro costringendo l’allenatore a allenare un gruppo largamente incompleto; aggiungerei anche che i due giocatori di maggior classe, Vlasic e Radonjic hanno accettato di venire solo per la presenza di Juric. Sorvoliamo sulla poco edificante rissa tra Vagnati e lo stesso Juric e dedichiamoci all’analisi della squadra reparto per reparto.

Portieri

Sono gli stessi dello scorso anno, soprattutto i due presunti titolari Vanja e Berisha che in tutto il campionato si sono alternati, non alla rincorsa del migliore, bensì causa gli errori e le incertezze. Si sperava in un nuovo portiere più affidabile e sul mercato occasioni se ne sono presentate anche a costi abbordabili, vedi Gollini alla Viola e Cragno al Monza, ma si è preferito proseguire nell’incertezza.

Voto: invariata nella sua mediocrità 

Difesa

In questo caso occorre riconoscere che sostituire Bremer, miglior difensore dello scorso campionato, era impresa praticamente impossibile. Si è deciso di investire un cifra importante sull’olandese Schurrs, scelta più che condivisibile ma ricca di incognite. La partenza all’ultimo secondo di Izzo, peraltro da tempo fuori dai piani del tecnico, non è stata rimpiazzata almeno dal punto di vista numerico.

Voto: indebolita sia tecnicamente che numericamente

Laterali

Pochi movimenti in questo settore, all’uscita di Ansaldi per fine contratto hanno fatto da contraltare gli arrivi di Bayeye dal Catanzaro Serie C e Lazaro in prestito dall’Inter. Il primo è già stato ritenuto non pronto per la serie A ed il secondo, che negli ultimi anni ha girato l’Europa senza praticamente mai giocare, ha evidenziato ieri sera a Bergamo tutti i suoi limiti.

Restano Singo con tanto potenziale solo parzialmente espresso, Aina con i suoi limiti e Vojvoda per il quale si spera possa ripetere il campionato dello scorso anno. Considerata l’importanza dei laterali nel gioco di Juric, nulla è stato fatto per alzare il livello.

Voto: invariato solo perché i problemi fisici di Ansaldi limitavano il valore del giocatore 

Centrocampo

Alle partenza scontata di Pobega, si è aggiunta quella di Mandragora sul quale non si è ritenuto di investire la cifra del riscatto pattuito, solita ricerca del dio Sconto e addio al giocatore passato alla Fiorentina. Sostituti? Ilkhan un ragazzo di diciotto anni con grandi prospettive ma che, nelle prime quattro partite, ha giocato un paio di minuti nel finale a Monza e poi si è sempre accomodato in panchina perché, credo, non ancora pronto per questo palcoscenico. Alla fine ci ritroviamo con tre giocatori arruolabili: Ricci, Lukic, per il quale la solita cattiva gestione del capitolo ingaggio ha portato all’esecrabile ammutinamento di Monza e Linetty che ha iniziato alla grande il campionato ma che lo scorso anno ha giocato molto poco perché considerato la quinta scelta dopo i titolari. Juric ha recentemente evidenziato che serviva un giocatore forte fisicamente ma, naturalmente, non è stato ascoltato.

Voto: significativamente più debole

Trequartisti

Al netto dei dubbi sulla tenuta di Vlasic e Radonjic, quest’ultimo non giocava tre partite di fila da alcuni anni, e con l’arrivo di Miranchuk il livello dovrebbe essere migliorato rispetto allo scorso anno, anche se Brekalo e Praet avevano dato un buon contributo. Il belga è stato cercato sino all’ultimo giorno ma, visto il rifiuto del Leicester alla cessione, è stato inserito Karamoh, giocatore che ha spesso fatto la riserva nel Parma ma che pare sia stato richiesto da Juric. Completa il reparto Seck, dotato di buoni spunti ma ancora acerbo per la serie A.

Voto: incrociando le dita il livello dovrebbe essere migliorato

Attacco 

Qui servono poche parole, Belotti ha preferito lasciare il Toro e non è stato sostituito, sono rimaste le sue due riserve: Pellegri che non ha mai giocato novanta minuti per intero in tutta la sua carriera e Sanabria del quale si dice che fa giocare bene la squadra ma segna poco, sembra quando di una ragazza si dice che è simpatica. 

Voto: indubbiamente più debole

Il duo mercato Cairo Vagnati

Tutto come sempre, trattative portate all’estremo per risparmiare qualche euro a costo di perdere il giocatore, per tutti valga l’esempio di Mandragora. Giocatori messi a disposizione dell’allenatore troppo tardi e la solita impressione di voler lasciare la squadra incompleta, chissà perché, variando ogni anno il reparto da non completare.

Voto: sono troppo arrabbiato e deluso per esprimerlo.

In conclusione, malgrado il giornale sportivo di regime assegni 7,5 al mercato del Toro, io non mi sento di andare oltre ad un 5 risicato. Anche quest’anno speriamo in mister Juric e in qualche piacevole sorpresa.

Buon campionato a tutti e sft.

Sandro Mellano

21 Commenti

    • Si, vorrei che dicesse a chiare lettere che il “progetto” sportivo è lo scudetto del bilancio e la metà classifica, che non mette soldi suoi e che finché ha un tornaconto rimane in carica.
      Sarebbe comunque odioso e insopportabile ma almeno ci risparmierebbe le continue balle e prese per i fondelli.

  1. Si, vorrei che dicesse a chiare lettere che il “progetto” sportivo è lo scudetto del bilancio e la metà classifica, che non mette soldi suoi e che finché ha un tornaconto rimane in carica.
    Sarebbe comunque odioso e insopportabile ma almeno ci risparmierebbe le continue balle e prese per i fondelli.

  2. Onesto Lotito?????
    Questa proprio no, ma pur di vedere cairo, che detesto, fuori dal Toro, accetterei chiunque al suo posto.
    Tutto molto condivisibile quello scritto da Mellano, la rosa e’ molto indebolita e il voto all’editore di regime e’ 4.

  3. Sono abbastanza della tua anzi pensavo spendesse ancora meno per il mercato, la situazione finanziaria non era semplice, poi punta ancora a sgravi o ristori per covid, ma ci conterei poco. Detto questo il mercato è insufficiente perché vi sono buchi a centrocampo e si poteva tentare qualcosa di meglio per il portiere. Sulle risoluzioni societarie ci spero ma ci credo poco.

  4. Perfetta analisi…..ed è un grave peccato con rado vlasic e il russo con un attaccante vero…un paio sulla fascia vero c’è la giocavamo x la conf league

  5. Un centrocampista fisico e di gamba è necessario.
    Vanno investite le finanze in questo ruolo.
    Per la punta vediamo come si comportano i tre davanti.
    Impossibile fare entrambe le cose,mancano i soldi e se si facesse un investimento alla Ricci sarebbe già tanto

  6. Speriamo in qualche goal di Pellegri
    Perché sinceramente Sanabria sarebbe un campione silo a calcetto. Lui dialoga dialoga… se qualcuno gli risponde bene Senno si eclissa. Non è in grado di tenere la palla sui rilanci lunghi
    I centrali fisici e cattivi lo umiliano sempre. Non tira mai in porta… non cerca mai una soluzione individuale. Di testa è scarso. Segna solo se lo mettono davanti alla porta o di rapina nell’aria piccola.
    Il gallo degli ultimi anni ne valeva 15 di punte cosi. Anche Juric hai dei difetti… mica è Cristo… uno veramente grave è quello di non considerare essenziale la punta centrale… avendo perfino dichiarato aperti verbis che ne farebbe volentieri a meno… Se per terza punta si intende Karamoh… beh fratelli… siamo nel modo dei sogni

    • A essere onesti il Gallo delle ultime 2-3 stagioni valeva molto molto meno di quelle precedenti. Sarà stato il covid, un appannamento fisico generale, limiti tecnici evidenti che vengono fuori se non sei in forma smagliante, scelte di gioco dei suoi allenatori e limiti tecnici delle formazioni da incubo in cui ha giocato nelle 2 stagioni precedenti a Juric, ma tante’. La cartina tornasole agli europei vinti. Gli auguro di tornare ai livelli delle stagioni con Mihajlovic, ma dubito. Gallo ha anche giocato ottime partite con Mazzarri, almeno prima del famoso black out di squadra, poiché era estremamente funzionale al suo gioco, lo era molto meno con quello di Juric. Poi ognuno la vede come vuole. Bearzot diceva che una grande squadra ha prima di tutto un grande portiere e un grande attaccante, detto da uno che vinto un mondiale gli si può credere.

  7. -Come tutti gli anni precedenti i nostri “Conducators” si sono arenati sul filo di lana, ovvero quando bastava poco per completare un più che discreto organico. Si direbbe proprio un progetto programmato da tempo, ovvero quello di allestire una quadra in grado di vivacchiare sulla parte bassa a sinistra della classifica quando gira bene, oppure salvarci con affanno quando non tutto procede per il meglio.
    Ormai l’operato di questa pseudo società è da tempo sotto gli occhi di tutti noi tifosi, impossibilitati nel raddrizzare questo barcone (o baraccone) verso lidi migliori. Ormai la rassegnazione sta prendendo sempre più piede tra le nostre file ,consapevoli che l’unica soluzione sarebbe quella di avere un altro personaggio al timone. “GIORNO VERRA’….” Si,ma quando ?
    FVCG “ora e per sempre”.

  8. Concordo in pieno con te Sandro al 110% . Tutto correttissimo, è da un pò che non scrivo articoli per mancanza di tempo , ma avrei scritto le stesse cose, seppure io non scriva bene come te ma il concetto è quello.
    Da troppo tempo mi chiedo il perchè Cairo si ostini a indebolire la rosa ogni volta che il Toro raggiunge traguardi discreti, ovvero il 7 posto oppure riesce a salire fino alla soglia per prepararsi al salto. Dal 10 al 6-7 psto il salto non è lungo come sembra, a Juric bastava dare Praet e Mandragora e lui era contento. Gli davi una terza punta per il dopo Belotti e era ancora più contento. Gli prendevi un sostituto di Izzo ed er strafelice. Invece niente. Ci siamo fatti portare via degli obiettivi dichiarati dagli organi di stampa non da Juve o Inter ma da Monza, Salernitana, Verona oltre che Fiorentina . Cragno e Petagna erano imprendibili? Piatek ? Mandragora non lo si poteva riscattare con 9 miklioni? Praet con 8,5 bastava l’obbligo ma nei tempi utili al Leicester per trovare un alternativa. Hien per soli 4 milioni lo lasci al Verona? Morale: come avvenuto si tempi di Ventura, Mihajlovic, Mazzarri e ovviamente Giampaolo, anche con Juric indeboliamo la rosa. Manca un bomber alla Belotti, manca un sesto difensore per il dopo Izzo, manca il quarto mediano con un briciolo di esperienza in più rispetto ai bravi giovani Ilkahn e Adopo, inoltre la question porteire non è stata risolta anche se Milinkovic sta giocando bene a parte l’errore col Monza. Troppi rischi, troppe scommesse e ormai ho capito: Lo si fa apposta per non dover investire in una squadra con obiettivi europei. Non si vuole la B non si vuole la 6 – 7 piazza. Si deve vivacchiare li in mezzo per il bene delle tasche e della serenità della presidenza. Dimenticavo. Vlasic, Miranchuk , Lazaro sono in prestito….vedremo….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui