Juric: «A Salerno sarà dura. Dobbiamo avere un obiettivo reale»

26
406
Ivan Juric
Ivan Juric

Sharing is caring!

Ivan Juric, allenatore del Torino, ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida contro la Salernitana di domani. Le sue dichiarazioni: 

«La base dello sport è avere un obiettivo: ora può dartene uno, il decimo posto è un qualcosa di inventato. Le otto o nove sono irraggiungibili per noi, facciamo battaglia con altri per provare a vincere. In questo momento l’Europa non è reale. Servono grandi motivazioni dei singoli e del gruppo. Quella di domani contro la Salernitana sarà una partita difficile contro una squadra forte e allenata bene. Mercato? La società vuole accontentarmi e provare a migliorare però bisogna vedere se ci sono giocatori che possono aiutarci in questo. Abbiamo bisogno di qualcuno di sostanzioso. Spero che si mantenga questa struttura migliorando altri aspetti»

(fonte calcionews24.com)

26 Commenti

  1. Eh beh in un club dove l’obbiettivo è la pubblicità del padrone, poi che si arrivi 8i o 17i é uguale, sono dichiarazioni forti.
    Con giocatori mezze pippe che azzeccano mezza stagione dopo aver fatto pena 1-2-3 anni e nemmeno hanno capito dove sono arrivati.
    Direi bene.

  2. IJ è in linea con la società,questo risulta dalle sue dichiarazioni.
    Che poi venga assecondato nelle sue richieste questo dipende dai soldi e lui stesso lo sa.
    Se troverà chi assecondera’ le sue pretese potrà anche andarsene ma nn sarà semplice per lui…

  3. -Parole di circostanza in cui trapela la necessità sempre più evidente della necessità di alcuni innesti su cui nutro dei seri dubbi, motivati dal fatto che a tutt’oggi si leggono sempre le stesse ipotesi ma con ancora niente di concluso, sia in entrata che in uscita.
    FVCG (ora e per sempre).

  4. A me sembra esattamente il contrario invece, IJ non è proprio in linea con la Società, basta leggere integralmente l’intervista, solo che la Società quello propina e, sulla base di quello che succederà, vedrà se salutarci (come probabile) o meno…

  5. Se si legge l´intervista integrale trapelano chiare le critiche alla societa´. Nonche la realta´che l´obiettivo della societa´non e´il 7 posto ma la salvezza. Lo dice chiaramente. Dice anche che i soldi non ci sono e che il mercato sara´difficile. E che per il rinnovo e´presto parlarne. Juric non difetta ne di chiarezza ne di attributi. Complimenti. Il miglior allenatore dell´era Cairo insieme a Ventura e De Biasi. Con la differenza che lui parla chiaro anche nelle critiche alla societa´.

  6. Juric è stato chiaro: questa formazione sulla carta è inferiore alle 6 davanti e all’Atalanta. Quindi l’obiettivo è il decimo posto, ma il decimo posto è un obbiettivo inventato. Questo è il Torino da 17 anni.
    Ricordiamoci quando Cairo dopo la discreta stagione di Mazzarri faceva paragoni sciagurati con il Grande Torino e pensava con l’acquisto di Verdi di avere una squadra di livello. Invece è bastato nulla perché lottassimo per non retrocedere. Questa è la situazione, se si vuole migliorare bisogna programmare e soprattutto investire, Juric da solo non basta.
    Grande stima come sempre per la sincerità di Juric

  7. io oltre a quanto evidenziato sopra, leggo anche una constatazione del fatto che cairo è un poveraccio rispetto ai suoi colleghi che possono ripiananre 190-250- 120 milioni come fossero noccialine.
    Probabilmente IJ si era lasciato incantare lui come tutti dal pallonaro.
    Ora si è reso conto che a soldi se la gioca con setti e il vecchio di empoli per l’ultimo posto in A.

  8. Secondo me Juric è uno che ambisce a crescere professionalmente ma sostanzialmente corretto e leale nella sostanza e quando dice che crede nella volontà della società di colmare le lacune ma non sa se questo sarà possibile non la sta criticando ma semplicemente sta facendo professione di realismo: certo si percepisce la delusione di non riuscire ad alzare il livello ma non vedo xké attribuirgli sempre retropensieri che non ha espresso, è veramente un esercizio sterile.
    Sulla squadra attuale ha invece chiarito quello che alcuni di noi sostengono da tempo e cioè che la rosa è sostanzialmente da metà classifica e che neanche due innesti di sostanza la potrebbero portare al livello delle prime sette.
    Poi immagino che a livello di scambio di opinioni con la dirigenza rimarcherà, e sarebbe sacrosanto, come se si fosse affondato il colpo su Amrabat, quando la Viola voleva cederlo, oggi ci ritroveremmo con un giocatore dal valore triplicato così come se si fosse andati su Ilic quando era ritornato al City.
    Questo però è il limite della gestione attuale, quello di non vedere le opportunità oltre l’orizzonte del proprio naso, un limite grave che impedisce di sviluppare un percorso di crescita.
    Nel mezzo oltre all’assodato pauperismo della gestione Cairo ci metterei anche Vagnati che sembra abbastanza capace nelle trattative, nello stile del suo datore di lavoro, meno molto meno invece nello scovare profili emergenti ed interessanti.
    In questo squallore invece noto con piacere come Ludergnani si stia destreggiando con una discreta perizia visto che immagino che a livello di investimenti nel settore giovanile non sia cambiato granché.

  9. Juric per me prende atto della volontà di carie e ci dice chiaramente che con quella rosa lotti per la salvezza e se sei 10’ è tantissima roba, perché la rosa e le strutture non solo delle prime 7 ma anche di altre come la viola ci è superiore. Allo stesso tempo ci dice che capisce che la piazza voglia ben altro e che lui aspira a ben altro. Il mercato ci dirà se resta o va e conosciamo i nostri mercati invernali e Pietro ci ha dato numeri molto precisi sul deficit societario, quindi abbiamo probabilmente già tutte le risposte.

  10. IJ da tempo ha fatto delle precise richieste alla società e da queste dipende il suo rinnovo.
    È in linea con la società semplicemente xke’ si rende conto delle difficoltà economiche e nn pretende la luna.
    Niente di nuovo.

    • Si ma il problema è che a differenza di un Saputo che ha investito 250 milioni nel Bologna, media 25 l’anno, Cairo non può mettere quei soldi lì.
      Lasciando perdere 2021 (12milioni dalle sue aziende Rcs/cairocom), 2019 (26,7 milioni), lui sta ben sotto: 2018 (6,7M), 2017 (solo 3,4M), 2016 (11,4M).
      Quindi o Juric trova il modo di valorizzare 2 campioni ogni stagione, (visto che i 13 milioni 1a rata bremer non gli portano bilancio toro in pari), oppure non credo possa tenere il club a oltranza. Inoltre SACE non penso facciano crediti in eterno sapendo che se il finanziato finisce in B é nella lossa e rischia di non restituire.
      Parlo di Saputo per non parlare dei padroni di strisciati, Roma, fiore che sin miliardari veri.
      Qua persino percassi che è miliardario si è trovato un sito estero. Rimangono Adl e Lo Tito che sono morti di fame come lui, ma loro intelligentemente i club li hanno strutturati e organizzati. Il fenomeno linguetta no.
      Quindi è il caso che posi salamini Beretta e vino marcio e veda cosa vuole fare….

      • Valorizzare due campioni dopo che hai comprato giocatori valorizzabili.
        Non certo bayeye e haveri.
        Mi auguro si renda conto dove sta, dove rischia di finire, che in B col vecchio che prende 100-150 milioni da un acquirente, e ne tragga le conseguenze.
        Il suo tempo è finito. Prima ancora dei suoi soldi.

  11. IJ mi sembra abbia preso atto ufficialmente che la rosa non sia adeguata per l’Europa, sugli investimenti ha lasciato trapelare che non si aspetta molto. Ergo credo stia pensando di smobilitare, felice di sbagliarmi. Sulle valutazioni che leggo qui sopra su tanti ns giocatori ci andrei piano, perlomeno prima di vederli giocare con una certa continuità.

  12. Devo onestamente ammettere che la notizia che Saputo ha versato (più che versato buttato nel cesso) nel Bologna tutti quei capitali mi ha veramente sbalordito: sapevo che era uno dei presidenti più capienti (credo a livello del Berlusca) ma visti i risultati sportivi dei rossoblù mi ero fatto l’idea di una gestione decisamente più sana finanziariamente.
    Ad ogni modo, sarò un po’ vecchio stampo ma trovo scandaloso che si sprechino tutti quei soldi per alimentare il pozzo senza fondo che è il sistema calcio odierno, ho molto più rispetto per quei presidenti senza portafoglio ma con tante competenze come i Percassi o i Lotito (anche se la squadra più indebitata con il fisco alla fine era proprio la Lazio) che per i Saputo o i Friedkin con quest’ ultimi che in soli 3 anni si sono mangiati 450 milioni di €.
    È vero che alla fine la gente ricorda solo chi vince ma a parer mio valgono molto di più i secondi posti del Napoli in questi anni degli scudetti dei rubentini finanziati da 700 milioni di ricapitalizzazioni e chissà cos’altro sotto il tappeto.

  13. Io ho scritto che Cairo non ha possibilità economiche all’altezza della A. Si gioca ultimo posto con adl-Lotito, che gestiscono bene il club e con Ferrero/ corsi.
    Cairo guadagna circa 10 milioni l’anno da sue aziende. Poi ne perde 20 nel Toro, ultimi 5 bilanci, vediamo quanto tempo gli fa credito Sace… Sennò deve mettersi nelle mani delle banche come i suoi colleghi di inda e prossimamente Samp. E abbiamo visto come le banche hanno strozzato cimminelli.
    Commisso ha 7,3 miliardi USD, coi soldi di vlahovic-chiesa, due mercenari, ha fatto un centro sportivo che ce l’ha solo il mancity. Un centro sportivo che farà uscire giocatori da A ogni anno, autofinanziando la viola.
    La Roma è tecnicamente fallita, come la Juve, come Milan,inter, club che chiudono bilanci in perdita perché poi azionista ripiana.
    La Roma ha cumulato perdite 2010-22 x 903 milioni, l’Inter x 858, il Milan x 1077, la Juve x 746. Il Bologna è 5° con 252 milioni.
    È sempre la solita minestra: critico Cairo però meglio lui di….
    No.
    Meglio Satana di lui.

  14. Ti è mai passato per l’anticamera del cervello che saputo, i 250 milioni che ha buttato nel Bologna, se li scarica dalle tasse in Canada?
    E ti ripeto.
    Saputo tre anni ha fatto lo stadio, e poi vende il Bologna. Che avrà lo stadio e quindi sarà un BFC da diciamo 300-350 milioni.
    A meno che non piglia una gru e si porta lo stadio in Canada.
    Cairo cosa lascerà dopo 18 anni?
    La sala mensa al Fila?

  15. Carie è il peggior Presidente di sempre, forse non del globo terracqueo, ma sicuramente della nostra storia. Ormai ci son solo macerie e i debiti sono assai maggiori di quelli non onorati da Cimmi.
    Quando questa delicata alchimia che gli ha consentito di stare lontano dai guai, in larga parte riconducibile al lavoro di Juric, si romperà, rivivremo l’esperienza della retrocessione del 2009.
    I meno di zero li prendeva già all’epoca di Migliorini e Gorobsov, e tali sono rimasti.
    I Bayeye / Warming / Damascan sono solo le minkiate più recenti e finiranno allo stesso modo. I Messias carie non li scopre anche quando glieli propongono.

    • Perché è arrogante oltre che ignorante.
      Ad ogni modo anche un ignorante sa fare di conto e +10 milioni di entrate da Rcs e -20 dal Toro non credo possa reggerle all’infinito.
      Non è miliardario come Saputo, come gli americani, che possono perdere soldi all’infinito, lui non può permettersi questo.
      I -70 milioni sicuramente lo hanno debilitato fisicamente e non solo.
      Speriamo che ci sia una persona tra la marmaglia che lo circonda, che lo convinca a mollarci.
      E che Juric arrivi presto a 35 punti.

  16. A mio parere siete fuori strada.
    Il nano è,purtroppo x noi,molto più di quello che Pietro e Mariano descrivono e ve ne accorgerete,o meglio ce ne accorgeremo.
    L’unica speranza viene da fuori confine e da cataclismi socio-economici attualmente ancora lontani

    • Io guardo numeri e quelli mi interessano.
      1) in azienda ha un fatturato modesto, meno di 1 miliardo. Utile tra i più ridicoli in tutti settori industriali.
      2) al toro ha lasciato -12,3 -13,9 -19,1 -38,8 e pare -20 il 2022 . Fa media -20M secco annuo. Lui non è gli amerrica’ che possono perdere milioni magari x motivi fiscali.
      3) da 2000 a 2018 guadagnava 1 -1,5 stipendio + 5-9 dividendo. Solo ultimi 2 anni con Rcs è passato a 16-20 dividendi.
      Ma se come pare gli è crollata pubblicità TV, non pareggia più e perde pure lì. Come sul Toro. Quindi abbassa dividendi Rcs.
      4) insomma gira e toira -20+10 non va bene. Qualcosa deve fare. O gestisce bene il toro, e mi pare dopo 18 anni non sappia farlo. O vende rami secchi.
      Dubito che lo Stato elargira’ soldi a pioggia a iniziative editoriali che han fatto il loro tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui